Se muori è un bene per la specie, dice Hamer

Se muori è un bene per la specie, dice Hamer

Ora che Germana Durando è in carcere, non credo che ci sia molto che io possa aggiungere a quanto scritto in questi anni.

Una cosa però vorrei sottolinearla: che per Hamer, se muori per la tua ‘cosiddetta’ malattia è giusto, anzi è un bene per la specie. Hamer era nato nel 1935, ha vissuto in pieno il nazismo, per cui questa deriva post-darwiniana non dovrebbe stupire.

Vi riporto giusto un paio di aberranti citazioni di quest’uomo che secondo i suoi seguaci aveva ‘cuore e mani calde’:

«In generale l’animale deve sopportare da solo la sua malattia cancerogena, che spesso va superata come una regolare prova di verifica dell’idoneità ad intervalli regolari, altrimenti l’individuo viene “squalificato”. Ad esempio, il vecchio cervo ogni anno deve di nuovo presentarsi per una prova di idoneità di fronte al cervo giovane e quando viene il momento in cui non riesce più a superare l’esame deve morire. Pertanto, in generale, la “terapia” del conflitto biologico è la soluzione reale del conflitto. Questa soluzione può consistere sia nel ristabilirsi della condizione precedente, sia in una soluzione alternativa vivibile. Quindi, ad esempio, o il cervo vecchio riconquista il suo territorio o il cervo giovane lo scaccia da quel territorio».

Testamento, p.107

«Dall’istante della DHS tutto l’organismo si trova in simpaticotonia permanente. Abbiamo già visto che questo stress permanente viene impiegato a livello biologico come un mezzo sensato per cogliere “l’ultima possibilità” di superare il conflitto. A questo scopo si devono mobilitare tutte le forze. L’individuo che non riesce entro un determinato tempo a spuntarla con il conflitto, ha sprecato la sua “chance biologica”. Anche se ad un certo punto (ormai troppo tardi!) il conflitto si risolve, tale individuo muore comunque. […] In altre parole, se un individuo non supera per lungo tempo il metodo di selezione inflessibile della natura all’interno di un ambito rappresentativo e dell’organo ad esso correlato, viene eliminato dalla competizione».

Testamento, p.116

Lascia un commento


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.


Archivio